lunedì 21 febbraio 2011

Aspettando i nuovi record di Recordando



foto: da sinistra Francesco Ceseracciu, Giuseppe Sbriglio, Maurizio Pitti e Simone Bracciodieta

Domenica prossima, 27 febbraio 2011, il Parco Ruffini si veste di corsa con RECORDANDO, la manifestazione podistica organizzata da Giro d'Italia Run. Due le distanze previste: 10 km, competitiva e non, e maratona. Entrambe da correre sull'ormai celebre Turin Ring Marathon, il circuito di 2 km ricavato all'interno del perimetro del parco torinese.

Enzo Caporaso lo conosciamo per il record sulle 51 maratone in 51 giorni e per le sette 100 km in sette giorni consecutivi. E quando fa l'organizzatore, visto che il record non lo può fare lui, cerca di farlo fare a qualcun altro.

Animato da giusto spirito goliardico, il torinese Simone Bracciodieta vuole entrare nel Guinness dei Primati cercando di correre la maratona più veloce di sempre... vestito da medico, con tanto di camice e stetoscopio! Visto la prestazione da migliorare, 4h21'09" di Tom Solomon fatta l'anno scorso a Londra, e le capacità di Simone, non ci dovrebbero essere problemi a centrare l'intento.

Ma il record cercato non sarà solo questo. Dal 4 gennaio, infatti, Francesco Ceseracciu, benzinaio cinquantaseienne e Maurizio Pitti, vigile urbano trentottenne, stanno correndo tutti i giorni la distanza di una mezza maratona. 150 giorni consecutivi che termineranno il 2 giugno 2011, Festa della Repubblica italiana. E domenica faranno tappa al Ruffini.

Per ulteriori informazioni:
GIRO D'ITALIA RUN

7 commenti:

costanza ha detto...

se va beh....adesso ci vestiamo tutti da pagliacci e corriamo una maratona in 24 h così facciamo il record :-/

resta il fatto però, che finchè ci sono degli sponsor che gli danno visibilità mediatica (e soldi????), nessuno può criticarli.... di sicuro molti farebbero ste cose se ci fosse da guadagnarci!

unica preoccupazione: non rischiamo di diventare ridicoli, noi podisti e la corsa torinese?

forse ho offeso qualcuno... se fosse così mi spiace, a ho espresso una mia opinione.

franchino ha detto...

Con tutto rispetto ma non chiamateli record!

fathersnake ha detto...

Io ambisco a correre la mezza più veloce di semplice vestito... da podista. Non sarà facile.

Vito " icuginiche.." ha detto...

allora io mi vestiro' da pizzaiolo
e voglio diventare il pizzaiolo piu' veloce del mondo cazz!!! ;-D

Andrea ha detto...

@Costanza
Effettivamente è un modo di correre molto insolito, più legato ad aspetti folkloristici che non alla corsa intesa come competizione.

Comunque Costy stai tranquilla: nessuno può ridicolizzare le imprese dei vari Cerva, Santachiara, Brignone, Chiera,... Credo che del nostro podismo amatoriale, quello che si corre in Torino e dintorni tutte le domeniche, possiamo solamente andar fieri.

@Franco
Preferisci "imprese titaniche" ? ;-)

@Fathersnake
Se ce la fai telefono subito all'antidoping!!! :-)

@Vito
E io mi vesto da "uomochecorre". Posso farlo? :-D

franchino ha detto...

Ardito l'accostamento coi nomi sacri piemontesi... :-D

Andrea ha detto...

Vista la partecipazione agli italiani mi sembra quantomeno doveroso ;-) Cmq, complimenti!