martedì 26 agosto 2008

Marco Olmo, antico cavaliere solitario

Marco Olmo, per chi non lo sapesse, è uno dei più grandi ultramaratoneti del mondo. Piemontese nato ad Alba nel 1948, tesserato per il G.S. Roata Chiusani, vive a Robilante in provincia di Cuneo.

Scopre la corsa piuttosto tardi, all'età di 26 anni, ed è amore a prima vista. Poco amante dell'asfalto e delle gare a partecipazione di massa, che quasi non permettono di muoversi, si esprime al meglio in terreni immersi nella natura, in montagna o nel deserto.

Impressionante il suo curriculum. Ha collezionato numerose vittorie e ottimi piazzamenti in gare come il Gran Raid Du Cro-Magnon, la Desert Marathon della Libia, i Dieci Comandamenti in Egitto, la Verdon Trail, la Marathon des Sables la Desert Cup in Giordania.

Prima per combattere stanchezza e problemi di salute e poi come condotta di vita ha scelto di diventare vegetariano. Scettico nei confronti di integratori e medicine, preferisce invece confidare nelle capacità naturali di recupero del proprio corpo.

E' durante l'arrivo di una gara nel deserto che un amico, vedendolo vincere in maniera signorile, lo definisce appunto "un antico cavaliere solitario".

Stefano e Paolo stanno girando un bellissimo documentario su quest'atleta eccezionale. Potete vedere il fimato nel sito UN PASSO DOPO L'ALTRO (http://www.unpassodopolaltro.it).

12 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

So tutto o quasi di Olmo, beh semplicemente un mito.

Furio ha detto...

Se corresse con una ducati piuttosto che con delle A3 straconsumate, sarebbe già passato a leggenda popolare.

Danirunner ha detto...

Non nego che Olmo è uno di quei personaggi che mi hanno fatto innamorare della corsa intesa come avventura e lotta alla sofferenza. Inoltre alla corsa gli ha dato un'immagine poetica. E' un grande.

franchino ha detto...

...e l'anno scorso a 59 anni s'è preso il lusso di battere tutta la squadra americana all'Ultra Trail du Mont Blanc. Atleti del calibro di Dean Karnazes, Scott Jurek (7 volte vincitore della Western States 100 miles), Karl Metzer (vincitore di sei “100 miglia” nel 2006), Hal Koerner che in conferenza stampa dichiaravano che stavano bene e avrebbero battuto il record della gara (21 ore, di Olmo). Si sono ritirati quasi tutti salvo Karnazes, giunto 47^ con 6h e 5' di ritardo da Olmo, "l'uomo che ha fermato il tempo".

Andrea ha detto...

Nell'Ultra Trail du Mont Blanc, Marco Olmo s'est arrêté. Peccato, nell'ultimo rilevamento a Vallorcine, era in 7° posizione assoluta. Per la cronaca, la gara è stata vinta da Kilian Jornet in 20h56'59".

franchino ha detto...

Sto seguendo live dal sito, peccato era 4° in rimonta. Evidentemente qualcosa di grave (ma speriamo di no) perchè da Vallorcine mancano "solo" 17 km, Magari riparte, Alè MArco!

franchino ha detto...

Lo sai Andrea che c'è anche Jerome?! Era intorno alla 280esima posizione!

Andrea ha detto...

Ah va? In effetti mi era venuto il dubbio. Pensavo però che facesse il percorso breve. Grande, Jérome!

Andrea ha detto...

Azz.. si è ritirato pure Jérome. Peccato!!!

franchino ha detto...

Azz... peccato!
Ma stai seguendo dal sito UTMB? Io con la connect card sto avendo dei problemi, forse troppi contatti.
Dove è dato Jerome fermo?

Andrea ha detto...

Sì, (http://live.ultratrailmb.com/index.php). Ultimo passaggio di Jérome ad Arnuva in 16h25'49" alle ore 10:57.

Alberto ha detto...

Non conosco le altre gare, avevo visto però le sue foto dell'anno scorso allo sky race dello Chaberton se non sbaglio!