mercoledì 16 luglio 2008

Quel fastidioso problema...

Con l'arrivo della bella stagione il caldo e l'afa creano non pochi fastidi a chi corre. Un problema comune a molti podisti maschi è lo sfregamento dei capezzoli con il tessuto tecnico della canottiera. Se il caldo è particolarmente intenso e la gara piuttosto lunga, è normale vedere all'arrivo di una competizione alcuni corridori con la parte superiore della canotta macchiata di sangue.

Quali sono le soluzioni? I normali cerotti tendono a staccarsi a causa del movimento e del sudore e si rivelano dunque inefficaci. Alcuni preferiscono indossare tessuti in cotone: in tal modo però non portano quasi mai la divisa della loro squadra.

Un accorgimento molto usato è, invece, quello di utilizzare l'olio di vaselina o qualche altro prodotto con proprietà simili. In questo caso l'unico inconveniente è dato dalle macchie che restano sul tessuto, cancellabili del resto con uno o due lavaggi.

Qualche anno fa ho provato una garza auto-adesiva che avevo in casa e che si è rivelata molto efficace. L'uso principale indicato dalla confezione è relativo al fissaggio di medicazioni, ma l'utilizzo alternativo di cui parlo si dimostra ottimo nel risolvere tale problema. Applicata direttamente sulle parti interessate, non presenta i consueti incovenienti di scollamento legati ai cerotti. Questo particolare adesivo, infatti, non si stacca per tutta la durata della gara o dell'allenamento, qualunque sia la lunghezza che si percorre e il sudore che si produce.

La prova del nove l'ho effettuata l'anno scorso alla Maratona di Vienna, quando ho utilizzato la garza non solo per l'uso sopra accennato, ma anche come protezione per le dita dei piedi. A fine gara non ho riscontrato alcun problema, eccezion fatta per una piccola vescica completamente sparita in un paio di giorni.

5 commenti:

SPAGHETTO... ha detto...

se no puoi fare come ho fatto io.......con le forbicine delle unghie tagli la punta dei capezzoli...all'inizio sanguinano un pò ma alla fine non li senti più...
.....cmq...sarò fortunello ma non mi si sono mai sfregati i capezzoli!!!!neanche nelle mezze maratona...addirittura nelle mezze corro con i fantasminin ai piedi....vedo alcuni che invece corrono con i calzettoni per via delle vesciche o delle inghie nere......ho il piede da cenerentola!!!!!!
..una volta l'unico problema era lo sfregamento in mezzo alle coscie....ora che si sono assottigliate neanche più quello!!!;-)
.....buon allenamento Andrea...grazie mille per i tuoi calendari gare.....
sai per caso dove posso trovare la classifica della garea serale di villarbasse e di moncalieri????grazie 1000

GIAN CARLO ha detto...

effettivamente la soluzione di Spaghetto è anche a costo più basso.
Diciamo che hai perso l'appalto.
PS
Cmq grazie della new

... E IO CORRO! ha detto...

Mi chiedo cosa faccia spaghetto, se lo sfregamento si verifica...ehm...verso il basso! :)

SPAGHETTO... ha detto...

menkia menkia....i gioielli di famiglia stanno al loro posto

UomoCheCorre ha detto...

@Spaghetto
Azz... che coraggio. Meglio il cerotto adesivo... ;-)

Per le classifiche ho provato a guardare, ma per ora non sono riuscito a trovare nulla :-(

@Gian Carlo
C'è un'ulteriore possibilità: correre a torso nudo. Più risparmio di così!!! :-D

@Eiocorro
Brrr! Mi vengono i brividi solo a pensarci...