martedì 1 luglio 2008

Corio, saliscendi e tanta fatica



Racconto di gara - 29 giugno 2008

Premessa
Domenica mattina sarei dovuto andare a fare una breve escursione nei pressi del Rifugio Amprimo in Val di Susa. Un violento acquazzone mattutino, però, mi ha fatto cambiare idea. A quel punto, visto che ero sveglio, ho deciso di andare a correre a Corio.

Prima della gara
Una volta sul luogo di gara, ho incontrato Giancarlo e Mauro del GSPT. Ed è proprio Giancarlo che mi ha fornito il pettorale di iscrizione (molte grazie!). Assieme a loro c'è anche Somadaj, fotografo ed autore dell'ottimo Ghilead di Somadaj, di cui ho avuto già modo di parlare in un precedente post.

Dopo essermi cambiato, abbozzo un breve riscaldamento e nel frattempo incrocio i miei compagni di squadra, intenti anche loro a prepararsi per l'imminente gara. Oltre a me sono presenti per l'Atletica Venturoli Michele, Ennio e la moglie, Rosario, Roberto, Caterina, Mascia, Franco, Carlo, Teresa e Antonio.

La gara
Appena partito, il gruppo compie un breve giro nel centro del paese e, dopo un tratto in discesa, affronta la salita. In quel momento sono affiancato da Rosario, mio compagno di squadra, da poco rientrato alle corse dopo un periodo di fermo dall'attività podistica. In sua compagnia la strada sembra meno dura.

Dopo circa quattro chilometri, la salita termina e lascia spazio ad una lunga discesa, in parte su asfalto e in parte su sterrato. Ed è proprio in quei momenti che comincio ad accusare una particolare fatica. Nel tratto in salita le sensazioni erano abbastanza buone; dopo qualche centinaio di metri in discesa, invece, la muscolatura delle gambe sembra non essere quasi in grado di frenare il mio corpo. Superato il tratto di sterrato, che contribuisce ad affaticarmi e ad innervosirmi un po', il manto stradale si fa nuovamente asfaltato.

In prossimità del cartello del settimo chilometro, sento un rumore di passi avvicinarsi a me. Mi volto e vedo, con un po' di stupore, Giancarlo, che ero convinto di aver messo dietro. A vederlo così pare un po' affaticato, ma non a sufficienza da riuscire a batterlo... :-D

Termino la mia prova in 38'53" dopo aver percorso 8130 metri con dislivello impegnativo. Guardando la classifica, vedo che il periodo di inattività mi ha fatto perdere diverse posizioni. A settembre, però, conto di riprendermele tutte con gli interessi... ;-)

L'immagine riportata in alto mostra i vincitori assoluti, maschili e femminili, della competizione. Da sinistra verso destra: Young, Cerva, Argenio, Fisseha, Dosio, Gatti.

2 commenti:

SCG (Alberto) ha detto...

Bello il collage!

UomoCheCorre ha detto...

Grazie!!! Volevo farne uno più bello, ma era un po' difficile da realizzare.. Sarà per la prossima volta... ;-)